04/06/2019

Prime365 | Fashion and Retail: la migliore combinazione tra innovazione e flessibilità nei processi

L’ultima frontiera nel mondo del retail è lo Unified Commerce: un approccio che non si limita a permettere ai clienti di accedere a tutti i canali di vendita di brand e negozi, ma che punta a integrare offerta, touch point e customer journey in unico flusso capace di generare valore per tutte le parti coinvolte nell’interazione.

Siamo quindi oltre il concetto di omnicanalità, in una dimensione in cui on line e off line non possono più rappresentare un discrimine né in termini di user experience, né di gestione dei processi, né tanto meno di visione strategica. Inoltre lo Unified Commerce, a differenza di altri salti evolutivi affrontati dal retail negli ultimi anni (dall’e-commerce alla multicanalità, arrivando per l’appunto alla prospettiva omnichannel), non rappresenta un punto d’arrivo, una tappa statica di un percorso di trasformazione lineare, bensì l’adozione di un metodo di analisi del mercato e del consumatore che presuppone un continuo adattamento. Innovazione e flessibilità diventano le parole d’ordine di nuovi modelli organizzativi e operazionali fondati su una logica data-driven. È infatti l’elaborazione dei dati scaturiti dalle relazioni e dalle transazioni la leva con cui si mettono in moto azioni, processi e strategie che aiutano il retailer a incontrare la domanda in maniera sempre più precisa e personalizzata, tendendo alla graduale generazione di una vera e propria offerta in real time.

0 commenti
Ancora nessun commento AGGIUNGI UN COMMENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram